Chiamaci800 642 081
  • 0
    Il carrello è vuoto

Come memorizzare le regioni d’Italia

Se pensi che la memoria si attivi prettamente per ripetizione di una parola o un concetto, allora ti manca una fetta importante della torta. L’intelletto infatti immagazzina “dati” in primo luogo per associazione, ovvero creando collegamenti tra immagini, questo perché i maggiori impulsi nervosi arrivano nell’uomo dall’esperienza visiva. Ora fai partire il video …. e ti sarà chiaro che è tutta una questione di tecnica. La memoria si può istruire, si può formare, e può regalare grandi soddisfazioni. Imparare le Regioni d'Italia Basta prendere le regioni, creare delle immagini il cui suono richiami la regione e dopo collegare queste immagini tra loro con una storia bizzarra, quindi è necessario condire tutto con abbondante creatività. Questa è una delle tecniche di memoria più basilari e semplici. Se però non hai mai fatto qualcosa del genere può risultare impegnativo anche in questo quindi ti darò una mano. Ecco qui il nostro bello stivale con tutte le regioni ! Allora iniziamo a elencare le 20 regioni e a trovare un’immagine per ciascuna. A questo punto basta collegarle con una storia ma anziché leggere quello che viene descritto ti sarà più facile guardarmi attraverso il video che ti ho mostrato sopra. REGIONE IMMAGINE RIEVOCATIVA Valle d'Aosta Asta Piemonte Piedi Lombardia Bossi Trentino Alto Adige Treni Veneto Vigneto Fiuli Venezia Giulia Frullato Liguria Anguria Emilia Romagna Emilio (Fede) Toscana Toscano (sigaro) Umbria Ombra Marche Marca da bollo Lazio Lazo (da cowboy) Abruzzo Struzzo Molise Molla Campania Campana Puglia Paglia Basilicata Basilica Calabria Calabrone Sicilia Ciglia Sardegna Sardina   Imparare divertendosi è la migliore strategia per studiare con efficienza! Scopri i MemoCamp e i MemoCamp Digital Se vuoi continuare ad imparare divertendoti ti consiglio il "Memo Camp Digital" e i Corsi "Memokid Camp" In basso un video della giornata tipo…

Read More

Come memorizzare nomi e visi

Quello che serve per memorizzare i nomi e i visi di persona innanzitutto è ATTENZIONE! Molte persone mi dicono di avere problemi di memoria e la conferma è il fatto che non riescono a ricordare il nome di una persona un’istante dopo che lo hanno ascoltato. Se ci pensi non ha senso parlare di problemi di memoria ma piuttosto di mancanza di attenzione. Per essere veloci la memorizzazione dei nomi e dei volti delle persone richiede un lavoro fatto a priori. Quello che è necessario infatti è avere un’immagine già pronta per ogni nome che ci capita di sentire, o quantomeno per i più comuni. Per fare alcuni esempi potrebbe essere: NOME IMMAGINE RIEVOCATIVA Andrea la croce di Sant’Andrea, il passaggio a livello Luca un lucchetto Marco un arco, il leone di piazza S. Marco Matteo un matto Massimo un contagiri al massimo Laura l’alloro Stefania una stufa Chiara l’albume         La prima regola è ASCOLTARE attentamente il nome della persona. Piuttosto se non l’ho capito preferisco richiederlo che fare finta di niente e andare avanti presentandomi ad un’altra persona. La seconda regola è OSSERVARE: osserva bene la persona che hai di fronte, come se dopo dovessi disegnarla. Cattura un particolare del suo aspetto che ti colpisce di più. Se lo conosci e sai ad esempio che tipo di attività svolge può essere utile immaginarlo mentre svolge il suo lavoro. La terza regola è ASSOCIARE in modo bizzarro l’immagine che noi abbiamo per il nome di chi incontriamo al particolare che abbiamo preso nella fase 2. La quarta regola è RIPETERE. Quando interagiamo con la persona chiamiamola un paio di volte col suo nome. Noterete il piacere che questa persona prova per il fatto che vi state ricordando di lei. Inoltre, questo permette di interiorizzare meglio il…

Read More

Come memorizzare i pianeti

Il principio che utilizziamo è esattamente lo stesso che abbiamo usato per memorizzare le regioni, ovvero: prendere i nomi dei pianeti creare un’immagine per ciascuno il cui suono richiami il nome del pianeta collegarli tra loro in modo bizzarro e creativo Ecco quindi il nostro elenco: NOME PIANETA IMMAGINE RIEVOCATIVA Mercurio mercurio Venere vena Terra terra Marte marziano Giove giovane Saturno Satana Urano ragno Nettuno nettare Plutone (dal 2008 non è più considerato il 9° pianeta) Pluto A questo punto puoi guardare il video qui sotto e avrai memorizzato i pianeti. Buona visione :)

Read More

Come memorizzare i vocaboli di una lingua straniera

Per memorizzare ci basta seguire uno schema ben preciso: creo un’immagine per il vocabolo in italiano. Se il vocabolo non ha un’immagine concreta gliela creo, ad esempio per “ammortamento” posso immaginare “la falce della morte sul mento” prendo la pronuncia del vocabolo in lingua straniera. (Quello che ci serve è parlarlo quindi è prioritario concentrarci sulla pronuncia) creo un’immagine per la pronuncia del vocabolo in lingua straniera a questo punto associo le 2 immagini in modo creativo partendo però sempre dall'immagine del vocabolo in italiano  

Read More

Come memorizzare un codice binario

Un codice binario è una sequenza di 0 e 1 e, quindi, qualcosa di estremamente ripetitivo e facile da confondere. Alle ultime Memoriadi in Turchia ne ho memorizzato uno lungo 1512 cifre (ottavo classificato) e adesso vediamo come si può fare. Grazie a Dominic O’Brien che ha inventato il sistema PA diventa molto più semplice. Allora innanzitutto devo costruire una nuova conversione. CODICE BINARIO CORRISPONDENTE 000 0 001 1 011 2 111 3 110 4 100 5 010 6 101 7 A questo punto il gioco è fatto. Se il codice binario fosse formato da 001 100 per me sarà il numero 15 quindi la scheda tela se uso lo schedario oppure una persona se uso il sistema PA o il PAO. A questo punto si tratta della memorizzazione di un semplice numero e ogni gruppo di 6 numeri si riduce a un numero da 2 cifre. Non so se hai visto il programma SuperBrain l’anno scorso ma chi ha vinto il montepremi finale di 50.000 € è il mio allievo Andrea La Torre di 11 anni che ha memorizzato un codice binario lungo 100 cifre in pochissimo tempo.

Read More

Come memorizzare parole astratte

Ma come possiamo fare a memorizzare una parola quando è astratta? Iniziamo con un po’ di parole astratte molto semplici, prendiamo ad esempio la parola AMORE. Abbiamo compreso che la nostra memoria lavora per immagini e che dobbiamo sfruttare il P.A.V. Ognuno di noi, per la parola AMORE, potrebbe prendere immagini diverse: alcuni l’immagine dell’amore della propria vita; altri un momento particolare in cui hanno provato una forte emozione d’amore. La cosa che però ci può succedere, in questi casi, è il fatto di confondere poi la parola AMORE con altre del tipo: moglie, marito, compagno/compagna, emozione, sentimento. Quello che ci interessa, invece, è avere la totale certezza di ricordare AMORE, quindi, dobbiamo creare un’immagine concreta per questa parola, utilizzando il P.A.V. Per farlo, divideremo la parola in due immagini concrete, e le assoceremo tra di loro. Ad esempio possiamo prendere AMO e RE. Per associarle con P.A.V. (Paradosso Azione Vivido), immaginiamo un gigantesco AMO che, anziché pescare pesci, tira su un ricchissimo RE con tanto di scettro e corona. In questo modo abbiamo la totale certezza di ricordare AMORE! Prendiamo ora la parola CORAGGIO. Possiamo prendere un’immagine che ci riporti univocamente a quella parola, senza la possibilità di confondersi. Ad esempio se avessimo visto un film il cui titolo è “CORAGGIO” possiamo immaginare o la pubblicità di questo film o la copertina del DVD. Se lo possediamo immaginiamo proprio di prenderlo in mano, osservare la copertina e sentire l’emozione che proviamo. L’alternativa è dividere la parola in immagini concrete. Potrebbe essere COR e RAGGIO. Possiamo immaginare di tenere in mano il cuore di una persona e poi di trapassarlo con la prima cosa che ci ricorda la parola raggio Cuore- Raggio In questo modo ricorderemo, per forza, la parola CORAGGIO senza alcun dubbio. Più le immagini suscitano emozione più…

Read More

Come memorizzare un mazzo di carte

Premetto che ci sono diverse tecniche per memorizzare le carte da gioco. Questa è la più semplice e di base in modo che chiunque possa avere la soddisfazione di memorizzare un intero mazzo di carte. Prenditi il tempo che ti serve e fallo come un gioco. Poi una volta che hai confidenza con le tecniche di memoria e volessi partecipare ai Campionati di memoria allora potrai andare a usare altre tecniche che ti permetteranno di diventare più veloce. Per ricordare i semi delle carte usiamo l’acrostico Come Quando Fuori Piove. Questo rievoca i semi nella sequenza corretta che è Cuori, Quadri, Fiori e Picche. Per ogni seme abbiamo le carte da 1 a 10 e poi il fante, la donna e il re. Queste ultime hanno già un’immagine quindi per ricordarle con il rispettivo seme posso immaginare ad esempio un re innamorato per il re di cuori, un cavaliere vestito di fiori per il fante di fiori e così via per ogni figura. Vediamo adesso invece come fare per i numeri da 1 a 10. Ci sono tanti sistemi per memorizzare le carte ma ti propongo quello a mio avviso più efficace. La cosa che facciamo è prendere i numeri da 1 a 10 e li facciamo precedere dalla lettera che identifica il seme. Le immagini saranno univoche quindi cerco di evitare l’utilizzo di immagini che siano già delle schede dello schedario mentale a meno che non sia proprio difficile trovare alternative . Un esempio può essere il 9 di Fiori dove non ho tante immagini con i suoni “P” e “F” quindi prendo PuFFo anche se è già una scheda. Per il 10 di ogni seme si presenta lo stesso problema in quanto non è facile trovare una parola che abbia, ad esempio per il 10 di cuori, i suoni…

Read More

Come memorizzare le date storiche

Per imparare le date storiche ti assicuro che basta conoscere la conversione fonetica. In caso non la conoscessi, puoi leggere questo articolo oppure guardare questi video: La conversione fonetica, prima parte La conversione fonetica, seconda parte A questo punto basta creare un’immagine per l’evento e una per la conversione del numero. Immagina di voler ricordare le seguenti date storiche. Ecco come facciamo: EVENTO ANNO IMMAGINE PER L'ANNO CON CONVERSIONE FONETICA Scoppio Prima Guerra Mondiale 1915 Dando per scontato che sia successa dopo il 1000 (in questo caso l’1 non mi aiuta a trovare una conversione efficace per la data quindi lo do per scontato dal momento che lo sappiamo a priori) posso immaginare che la Prima Guerra Mondiale sia scoppiata dentro una Bottiglia (915) oppure che quando è iniziata hanno stappato una Bottiglia. Non è l’unica conversione, poteva anche essere Battello, padella, badile... scegli tu quella che più ti piace e crea un’associazione tra l’immagine dell’evento e l’immagine data dalla conversione del numero. Fine Prima Guerra Mondiale 1918 Qui posso dare per scontato anche il 9 dal momento che ho la data d’inizio e quindi immagino che quando è finita tutti i soldati sono andati a fare un TUFFO (18) Scoppio Seconda Guerra Mondiale 1939 Questa sembra fatta apposta... immagino che sia stata lanciata una BOMBA (939) Fine Seconda Guerra Mondiale 1945 Quando finisce i soldati portano alle loro compagne una PERLA (945)

Read More