Chiamaci800 642 081
  • 0
    Il carrello è vuoto

Laurearsi dopo i 40 anni é possibile?

L’età non deve essere un fattore limitante per l’apprendimento. Oggi si parla di “Life long learning”, ovvero studiare tutta la vita. L´apprendimento non é più visto come attività da relegare esclusivamente alla fase adolescenziale e giovanile della nostra vita ma puó, anzi deve, essere prolungata oltre ed accompagnarci nell'intero arco della nostra esistenza. La società odierna é mutevole e in continuo cambiamento. Questo comporta l´esigenza di specializzarsi, rinnovarsi e aggiornarsi di continuo per essere competitivo e al passo coi tempi. Varie possono essere le motivazioni che spingono a riprendere gli studi: Per aggiornarsi nel proprio lavoro Perché si ha bisogno di una determinata laurea, certificazione o attestato Per intraprendere una nuova attività lavorativa Per passione nei confronti di un determinata materia Per riprendere un studio precedentemente interrotto Qualsiasi sia il motivo se si è armati di una forte motivazione, di voglia di mettersi in gioco e padronanza delle strategie efficaci di apprendimento si potrà riuscire nell'intento ed avere grosse soddisfazioni. Superati i 40 anni non si è più´ abituati a studiare, a restare concentrati a lungo, a gestire la tensione derivante dagli esami, inoltre bisogna conciliare il tutto con gli impegni relativi a famiglia e a lavoro. Le principali difficoltà nell'affrontare lo studio in età adulta sono riconducibili al tempo limitato a disposizione per lo studio e alle energie mentali spesso carenti, poiché vengono incanalate nelle varie attività durante la giornata da “adulto”. In questa fase della vita è più complicato cercare di concentrarsi mentre i vari pensieri ronzano o aleggiano nella nostra testa rispetto a quando a vent´anni si era spensierati e ci si poteva permettere anche molte distrazioni. Lo studio a 40 anni richiede sicuramente un approccio diverso, non possiamo permetterci distrazioni e bisogna organizzare bene il proprio tempo. Premesso ciò laurearsi in età matura non solo è…

Read More

Media Ponderata

Avere una buona media all'universitá é molto importante poiché il tuo voto di laurea dipenderà soprattutto da essa! La tesi infatti, se fatta bene, può certamente incidere positivamente ma la differenza la faranno i voti, cattivi o buoni che siano, accumulati durante la tua carriera universitaria. Perciò conviene concentrarsi su questo obiettivo sin dall'inizio. Una buona media sará indispensabile per poter avere accesso a concorsi pubblici e distinguervi rispetto alla concorrenza in qualsiasi circostanza. Sará il tuo biglietto da visita vincente! Da quando nel sistema universitario sono stati introdotti i CFU, i crediti formativi universitari, si parla di Media Ponderata. Cos'è la Media Ponderata ? É la media scaturita dal rapporto tra il voto e i numeri di CFU dell´esame. Come si calcola la media ponderata? Per calcolare il voto di laurea di base è necessario fare un calcolo della propria media ponderata, ossia la media dei voti in base al numero di CFU per ciascun esame. Bisogna moltiplicare ogni voto (in trentesimi) per il numero di CFU previsti per l’esame corrispondente; i valori così ottenuti vengono sommati e poi divisi per il numero totale dei crediti maturati. Trattandosi di un calcolo non complesso ma ricco di dati e da effettuare con precisione ti consiglio di usare la calcolatrice. Per fare un esempio, la formula per la media ponderata di tre esami è la seguente: Media ponderata= (voto esame1 x crediti esame1) + (voto esame2 x crediti esame2) / (voto esame3 x crediti esame3) / numero crediti complessivo. Esame 1: voto 26 crediti 8 Esame 2: voto 29 crediti 12 Esame 3: voto 28 crediti 4 (26x8)+(29x12)+(28x4)/(8+12+4)= media …. Ecco dei Consigli per ottenere buoni voti agli Esami Universitari Lettura: Per fare una buona lettura partire dalla sintesi del testo per avere una visione globale. Verifica poi con questionari la tua…

Read More

Consigli su Come Scrivere una Tesi di Laurea

Giungere alla tesi costituisce un momento importante della nostra carriera universitaria: l'obiettivo finale é ormai quasi raggiunto, tocca fare solo l'ultimo sforzo! Si tratta però di uno sprint finale per niente semplice da compiere poiché ci si confronta con un tipo di lavoro del tutto nuovo e molto impegnativo, ovvero scrivere di proprio pugno qualche centinaio di pagine su un determinato argomento. Un tale arduo compito può portare, soprattutto nella fase iniziale, ansia e frustrazione. Molti si bloccano per mesi interi poiché non sanno come affrontare il tutto. Quello che fa piú paura é l'incapacità di organizzare una grossa mole di lavoro alla quale non si é abituati e per questo non si riesce a capire nemmeno da dove cominciare. Il segreto per iniziare bene questo tipo di lavoro é una buona pianificazione!   Prima di iniziare ti ricordo che ho dedicato un intero capitolo alla "Tesi di Laurea" nel mio libro "Professione Studente 30 e Lode". Passi da seguire per la tua Tesi La prima fase é fondamentale poiché deve costituire delle solide fondamenta per la struttura che stiamo per costruire. Si può partire da domande semplici quali ad esempio Cosa voglio fare? una tesi su una chiesa inedita di etá tardomedioevale In che modo voglio fare ciò? attraverso la ricerca di archivio, lo studio delle fonti, lo studio dei materiali, l'analisi dellarchitettura della chiesa, il confronto con altre chiese simili, la comparazione di tutti i dati di cui dispongo e le conclusioni. Perché? Voglio datare precisamente la chiesa, ricostruirne la storia, raccogliere notizie inedite. In questo modo avrai stabilito in linea generale quali sono i punti fondamentali della ricerca che da affrontare. Sapere ciò che vuoi fare ti permetterà di risparmiare molto tempo! Bibliografia Una volta capito quello che vuoi ottenere con il tuo lavoro di tesi cominciamo…

Read More

Metodo di studio universitario: Ecco quello efficace

In questo articolo voglio fornirti delle preziose linee guida per affrontare al meglio lo studio universitario. Passare dalla scuola all'università costituisce un grosso salto: la mole di lavoro aumenta vertiginosamente, i professori si rivolgono ad una vasta platea di studenti e di certo non possono verificare se ognuno di loro ha compreso oppure no la lezione, per ogni esame universitario bisogna memorizzare centinaia o addirittura migliaia di pagine, spesso piene di date, parole e informazioni complesse. Tutto questo può risultare piuttosto avvilente se non si possiede il metodo giusto. L'università oltre che qualcosa di molto impegnativo é una nostra libera scelta che, se affrontata nel modo giusto, può diventare il gradino che ci permetterà di trovare il nostro lavoro dei sogni. Sarà il luogo in cui affronteremo materie per noi interessanti, seguiremo lezioni di docenti preparati e degni della nostra ammirazione, entreremo in contatto con altri studenti che hanno progetti e interessi simili ai nostri. Tutto ciò mi sembra un ottima premessa, per cui voglio fornirti le linee guida che ti serviranno a crearti un valido metodo di studio universitario affinché il tuo percorso accademico possa essere stimolante, gratificante e vincente senza che però tu debba sacrificare tutto il tuo tempo libero per lo studio. Studiare é importante ma la vera arma vincente é studiare bene. Siamo abituati a pensare che solo studiando 8-10 ore al giorno si possono ottenere ottimi risultati. Beh... sono lieto di smentire questa tesi e dimostrarti, attraverso il mio metodo che con organizzazione e metodo i tempi vengono drasticamente ridotti. Il mio obiettivo é dunque insegnarti a studiare bene di modo che oltre ad ottenere ottimi risultati potrai continuare a coltivare i tuoi interessi ed avere del meritato tempo libero! Lettura Strategica Per fare una buona lettura parti dalla fine! Quello che ho appena detto…

Read More

4 Consigli su Come Memorizzare un Libro Velocemente

Quante volte per lavoro o per studio hai pensato: “Quel libro è davvero interessante, vorrei tanto leggerlo... ma non ho tempo!” Dopo la lettura di questo articolo capirai che quel che ti manca non é il tempo ma la tecnica giusta: una lettura strategica.   Come ben sai le persone più rapide ad apprendere hanno una marcia in più, poiché immagazzinare informazioni velocemente può fare la differenza. Quello che invece non sai é che non si tratta di una dote innata e puoi acquisirla anche tu! Basterà avere a disposizione gli strumenti adatti, conoscere la strategia migliore e metterla in pratica. Prima di illustrarti i consigli, dei quali spero farai tesoro, vorrei ricordarti che ho scritto un libro sulla lettura veloce che tratta proprio di questo argomento: “Come leggere 1 Libro al Giorno”. Un testo dedicato a tutti coloro che vorrebbero leggere di più ma pensano di non avere mai tempo. Per capire meglio di cosa si tratta puoi scaricare la prima parte del testo Gratuitamente. 1 -Capire la struttura del libro Come prima cosa leggere il testo nelle sue parti fondamentali: l´introduzione la prefazione il sommario o l’indice la guida al testo Spesso si compie l’errore di saltarle completamente poiché siamo abituati a considerare la lettura di queste sezioni una perdita di tempo e tendiamo ad andare “direttamente al sodo”. Invece é proprio qui che é contenuta l'essenza del testo ed é fondamentale dedicargli molta attenzione. L’introduzione aiuta a individuare la giusta chiave di lettura, mentre la prefazione può dare utili informazioni sulle sue finalità. L’indice è invece un elemento chiave per costruire la “mappa mentale” del libro. Alcuni libri sono dotati di una guida al testo in cui potrai trovare commenti, riassunti e domande di verifica molto utili che permettono di prendere già familiarità con gli argomenti del…

Read More

Come studiare bene e meno

Come studiare bene e ricordare di più sembra la chimera irraggiungibile di studenti e studentesse di ogni età. Eppure c’è chi ce l’ha fatta. Un esame o un’interrogazione possono gettare nel panico anche gli studenti più brillanti.  Per affrontarli al meglio, una solida preparazione di base rappresenta un indubbio vantaggio. Ma come si fa a studiare bene e velocemente? Ecco alcune tecniche per memorizzare le informazioni più importanti e presentarsi agli esami senza preoccupazioni. Studiare velocemente non è sinonimo di studiare superficialmente. Al contrario, significa selezionare le informazioni più importanti contenute all'interno di un libro di testo e immagazzinarle al meglio nella nostra memoria. A questo proposito, esistono alcune tecniche specifiche per velocizzare i tempi dedicati allo studio, senza che la qualità di ciò che impariamo ne risenta. Si tratta, in sostanza, di metodi che permettono una maggiore efficienza nello studio, tenendo ben presente la differenza – fondamentale – tra studiare efficacemente e studiare in modo efficiente. Efficacia ed efficienza, infatti, anche se spesso impiegati nel linguaggio comune come sinonimi, sono in realtà due termini separati da una sottile ma sostanziale diversità: l’efficacia è la capacità di raggiungere un obiettivo, l’efficienza è riuscire a farlo impiegando le minori risorse possibili. Applicata allo studio, questa differenza risulta particolarmente chiara: chi studia efficacemente arriverà senza dubbio preparato il giorno dell’esame, ma magari per raggiungere un tale livello di preparazione ha dovuto sudare sui libri giorno e notte per parecchio tempo; chi studia in maniera efficiente, invece, sarà altrettanto ferrato sugli argomenti dell’esame, pur avendo dedicato ai testi molte meno ore. Possibile? La risposta è sì: con i metodi di studio efficaci, ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo è un obiettivo alla portata di tutti. Scopriamo allora quali sono queste tecniche e come funzionano. 1. La tecnica della lettura veloce La…

Read More