Chiamaci800 642 081
  • 0
    Il carrello è vuoto

Mappe mentali per studiare

Risparmiare tempo, memorizzare più velocemente e fissare solo quelle informazioni che sono realmente importanti.
Sono questi i grandi vantaggi delle mappe mentali all’interno di un percorso di studio. Che sia un testo scolastico, universitario o un manuale da leggere a lavoro, la tecnica alla base per iniziare è sempre la stessa.

Tutto parte dal testo.
Il primo step è segnalare le informazioni focali. In altre parole, i nuclei attorno ai quali vengono esposti i concetti.
Dopodiché c’è la fase della sottolineatura.
Con il terzo step, si costruisce il modello in una prima stesura che, per agevolare il compito, è senza immagini.
Queste vengono inserite nel quarto step: cerchi, rombi, quadrati o disegni che ti aiutino a contenere i blocchi di informazione.
Fondamentale per una mappa mentale efficace è costruirla in contemporanea alla lettura critica. Questo sempre in un ottica di ottimizzazione del tempo. Se la stili mentre stai leggendo infatti, riesci già a memorizzare fino al 60% delle informazioni. E poi puoi procedere la tua lettura in modo lineare, senza essere costretto a tornare indietro e rileggere gli stessi passaggi.

mappe mentale storia

 

Per usare le mappe mentali® in fase di studio basta estrapolare le parole chiave dal testo e con queste costruirne la mappa.
Per ottimizzare i tempi è meglio costruirla in contemporanea alla lettura critica.

Ovviamente non sarà una versione definitiva, ma sarà una prima stesura senza immagini. Il vantaggio che ci dà è che, mentre studiamo, già stiamo immagazzinando le informazioni.
Questo perché le mappe sono un metodo attivo e di conseguenza, mentre costruiamo la mappa, stiamo trattenendo almeno il 60% delle informazioni.
Un altro vantaggio del farla in contemporanea alla lettura, e non a fine capitolo, è che andiamo avanti “a lavoro finito” e senza dover tornare indietro.

L’unica cosa che ci resta da fare alla fine è costruire la mappa definitiva, distribuendo bene gli spazi in modo omogeneo e inserendo le immagini.
Ricorda che l’inserimento delle immagini è fondamentale al fine della memorizzazione.

Alcuni pensano che, avendo disposto le parole chiave su dei rami curvi, abbiano fatto la loro mappa. Non è così.
Gli unici casi in cui non andiamo a mettere le immagini è perchè stiamo costruendo una mappa provvisoria oppure perchè l’obiettivo della mappa in quel caso non è quello di ricordare le informazioni ma di pianificare o avere una visione d’insieme su qualcosa.

Su una mappa puoi far stare da poche pagine fino anche ad un libro intero. Dipende dal contenuto del libro. A volte può essere utile fare la mappa dell’indice e dopo una per ogni capitolo, ma sottolineo, dipende dal tipo di testo, in quanto non c’è una regola precisa e universale.

Qui di seguito hai la Mappa Mentale di un capitolo di geografia.

studiare con mappa mentale

Libro e Corso sulle Mappe Mentali

Se sei interessato alle Mappe Mentali ti consiglio il mio Libro e Videocorso.

Il videocorso MAPPE MENTALI è stato creato attraverso le tecniche più avanzate di apprendimento rapido e ti permetterà di imparare da zero cosa sono, come creare e utilizzare le Mappe Mentali.

video corso mappe mentalie

 

Scarica Gratuitamente il primo Capitolo di “Metti il turbo alla tua mente con le mappe mentali”

 

libro mappe mentali