Chiamaci800 642 081
  • 0
    Il carrello è vuoto

MemoCamp

Vuoi dare a tuo figlio il metodo di studio definitivo che gli permetterà di studiare molto meno ma molto meglio e di divertirsi molto di più?

1Ti ricordi quanta fatica hai fatto tu, quanta tensione prima delle interrogazioni e adesso le stesse cose toccano a tuo figlio… sappi che gliele puoi fare evitare. Anche se finora nessuno gli ha mai insegnato il metodo di studio (un metodo vero ed efficiente non “leggi, sottolinea e ripeti”) non è mai troppo tardi per diventare il primo della classe! Da quasi vent’anni il mio lavoro consiste nell’insegnare metodi che possano facilitare la vita agli studenti.
Purtroppo di questi metodi se ne sente tanto parlare ma sono davvero pochi quelli che li conoscono e li applicano davvero bene. Ti parlo con cognizione di causa.

Il MemoCamp è un corso di alta formazione sulle tecniche di apprendimento strategico a misura di ragazzino. Un Camp unico nel suo genere con 34 edizioni alle spalle, un format consolidato e costantemente orientato a fare ottenere risultati sempre migliori agli allievi.
È un Campus in forma residenziale dove i partecipanti vivranno una settimana (da Domenica pomeriggio a Sabato mattina) da soli senza genitori.

Durante il MemoCamp tuo figlio imparerà:

  • a capire come è strutturato il testo che sta studiando
  • distinguere i concetti chiave dalla struttura di supporto
  • trovare velocemente i punti del testo dove si trovano i concetti chiave
  • a memorizzare i concetti
  • a leggere in modo strategico il testo
  • a memorizzare le date storiche
  • a memorizzare le formule matematiche
  • a memorizzare le immagini di testi come geografia, arte, storia e scienze
  • a memorizzare elenchi di informazioni come i fiumi più lunghi d’Italia con la relativa lunghezza o i 7 re di Roma memorizzando anche il periodo in cui hanno regnato
  • a memorizzare una poesia
  • a memorizzare la grafia corretta delle parole insidiose
  • a comporre un tema che sia scorrevole, piacevole alla lettura e in linea con il titolo
  • a gestire l’emotività alla cattedra
  • a esporre in modo chiaro i concetti che ha imparato
  • a costruire le mappe mentali
  • ad utilizzare il software per creare le mappe mentali
  • a concentrarsi anche in situazioni di stress
  • a mettere in pratica tutte le cose dei punti precedenti direttamente sui suoi compiti estivi/invernali.

Qui vedi il programma della giornata tipo.

50-001-1

L’attività didattica inizierà alle 9:00 e andrà avanti fino alle 12:40. In questo tempo ci saranno quattro sessioni da quaranta minuti. Ogni sessione verrà seguita da 20 minuti di gioco.
Questo serve per mantenere alta l’attenzione. Se osservi questo grafico infatti ti rendi conto di quanto sia importante fare una pausa di divertimento dopo quaranta minuti di concentrazione. L’area celeste rappresenta quello che riusciamo a trattenere in più grazie alla pausa.

51

Come succede nello sport dove il tempo di recupero fa parte dell’allenamento, per quanto riguarda lo studio, la pausa e il divertimento fanno parte dell’apprendimento. Non ha senso fare tre ore di fila e dopo una pausa di mezz’ora perché quando i ragazzi riprenderanno non riusciranno più ad avere un livello alto di attenzione perché ormai sono mentalmente stanchi. È esattamente come quando nello sport andiamo a sovraccaricare un muscolo. Dopo avrà bisogno di molto più tempo prima di poter tornare sotto sforzo nuovamente. La stessa cosa succede per la nostra mente. Per questo ogni 40 minuti si divertiranno come preferiranno.

Poi alle dodici e quaranta si andrà a pranzo tutti insieme, di solito in mezz’ora i ragazzi finiscono di mangiare e scalpitano per andare a giocare. Quando tutti hanno finito hanno tempo per giocare e divertirsi come preferiscono.

Al pomeriggio avranno tre sessioni: l’ultima sessione termina alle 16.40 e dopo saranno liberi fino alle sette di sera.
In questo tempo potranno divertirsi come vorranno. Ci sono diverse attività che facciamo sempre per farli divertire. Qui puoi vedere alcune foto. La piscina è sempre la cosa che più aspettano. Come puoi notare il MemoCamp è anche un’occasione per socializzare e confrontarsi con gli altri. Diventa un’esperienza di crescita e di vita.

Dalle diciannove alle venti è il tempo per farsi la doccia e chiamare i genitori.

Il MemoCamp è un’esperienza per socializzare e quindi nelle stanze non ci sono le televisioni (o se ci sono non avranno i fili della corrente).

CARATTERISTICHE DEL CAMP

Ma quali sono le caratteristiche che ha il MemoCamp per renderlo così esclusivo e per far sì che chi partecipa ottenga questi risultati?

1) Numero chiuso e limitato per 15 allievi soltanto.
Ciascuno deve poter essere seguito bene nel dettaglio e sentirsi libero di fare domande.

76

77

2) La sala corso
Una sala corsi ampia e luminosa completamente dedicata e dove solo i nostri allievi possono avere accesso in modo che possano essere liberi di lasciare lí i loro strumenti, computer e libri.

78

3) Tutti in prima fila
Una delle caratteristiche del Camp è il tavolo a ferro di cavallo. Ci teniamo che ogni allievo sia a contatto diretto con il trainer del corso, che si senta libero di fare domande e che possa seguire al meglio l’attività didattica.

79

4) Regole stabilite e condivise dai partecipanti
Saranno i partecipanti a stabilire le regole per far sì che quella settimana possa essere una settimana straordinaria. Ogni giorno faranno un giuramento dove si impegneranno a rispettarle.
Ciascuno ha una personalità unica e condividere le cose che sente importanti è alla base per vivere un’esperienza all’insegna dell’apprendimento, del divertimento e del rispetto.

80

5) Tornare a casa con i compiti svolti
Il MemoCamp è poca teoria e molta pratica. Infatti è facendo e applicando le tecniche che si imparano al meglio. Per questo motivo i partecipanti portano i loro compiti delle vacanze delle materie più impegnative. Se non hanno compiti è opportuno che portino degli argomenti da studiare che magari possono già essere utili per l’anno successivo in modo da applicare quanto imparato direttamente su quelli. Nel 2016, 225 allievi hanno partecipato e su questi 97 avevano compiti per le vacanze (gli altri erano nella fase di passaggio a scuole medie a scuole superiori oppure da scuole elementari scuole medie e quindi non ne avevano). Durante quella settimana la percentuale di compiti estivi svolti su tutti quelli che avevano da fare che è venuta fuori dal questionario finale è del 27,8%.

8182

6) La natura incontaminata
Ci teniamo che i vostri figli possano vivere l’esperienza in una natura vera e non in un posto artificiale vicino alla cittá. Per questo la location viene scelta sempre con estrema attenzione e sempre in posti incantevoli in mezzo alla natura che favoriscano l’attività all’aria aperta e il divertimento sia per i campus estivi che per quelli durante le vacanze natalizie o pasquali.
Da sempre l’ambiente riveste un ruolo fondamentale nell’apprendimento e imparare in un posto in mezzo alla natura aiuta ad essere piú in armonia e in equilibrio.

7) La bellezza della struttura
Ogni anno riceviamo proposte per tenere i Camp in scuole private con ampi spazi e strutture molto moderne. Confessiamo che sarebbe molto piú vantaggioso per noi a livello economico appoggiarci a questi tipi di strutture ma la nostra risposta è sempre stata “no”. Ci teniamo che i vostri figli vivano il MemoCamp come un’esperienza un’unica e non con la sensazione di andare a scuola anche d’estate.
Ci teniamo che tuo figlio si senta in vacanza, per questo scegliamo strutture che siano molto belle e rifinite nei dettagli. I partecipanti verranno suddivisi in stanze doppie, triple o quadruple a seconda dell’età e ovviamente maschi e femmine separati.

8) Gli assistenti
Ci teniamo a seguire al meglio i nostri ragazzi ed è per questo che siamo in diversi durante la giornata a supportarli. C’è un rapporto di uno a tre.
Ci tengo a sottolineare che le persone del team sono state selezionate accuratamente in base alla loro competenza.
Non sono animatori o animatrici o studenti che cercano di arrotondare. Sono tutte persone laureate con 110 all’Università.

93

Qui puoi vedere le loro schede
dscn3935

Cristina Moncalvo (assistente alla docenza)
Nata a Torino nel 1986, ha iniziato a lavorare come tutor dell’apprendimento nel 2011, professione che le permette di lavorare con e per i ragazzi e di esprimere a pieno la sua creatività nell’ambito della ricerca di nuove strategie e metodi d’apprendimento.
A seguito della prima laurea conseguita presso la Facoltà di Scienze della Formazione, nel 2013 si è specializzata in D.S.A. con master sui Disturbi dell’Apprendimento
con la tesi “La discalculia: la matematica sarà il mio mestiere”.
Dal 2013 al 2015 ha lavorato come tutor presso il doposcuola dell’Aid (Associazione Italiana Dislessia) della sezione di Torino; esperienza che le ha permesso di approfondire in modo applicativo gli studi teorici e di entrare in contatto con scuole, famiglie e U.s.l., creando reti di collaborazione per lo sviluppo di un percorso pedagogico mirato e adeguato ad ogni singolo caso in oggetto.
Curiosa e determinata a ricercare nuove metodologie in grado di predisporre le condizione ottimali per l’apprendimento, ha conseguito presso lo Studio Forma il corso PAS Standard e dal 2015 è applicatrice del metodo Feuerstein, con titolo rilasciato dall’ICELP, Feuerstein Institute. Il programma di Arricchimento Strumentale (PAS) permette di costruire un percorso strutturato per far emergere e potenziare le funzioni cognitive carenti, base di qualsiasi apprendimento.
Costantemente alla ricerca del proprio miglioramento e mossa dal desiderio di ampliare sempre di più la propria formazione nel campo dell’apprendimento, si è iscritta al corso di laurea Educatore Esperto nei linguaggi e nei processi dell’apprendimento presso l’ Università degli Studi di Torino.

dscn3937


Federica Festa (assistente alla docenza)
E’ nata a Napoli nel 1990. Si è diplomata al Liceo Classico Vittorio Emanuele II e parallelamente ha coltivato la passione per il teatro, che le ha permesso di acquisire consapevolezza e padronanza delle abilità comunicative legate all’uso del corpo e della voce.
Nel 2012 si è laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Torino.
Interessata alla didattica e a come la “curiosità filosofica” potesse migliorare i processi di apprendimento, nel 2013 ha partecipato al Corso di perfezionamento “Philosophy for Children: costruire comunità di ricerca in classe e in altri contesti educativi” presso l’Università degli Studi di Padova, conseguendo il titolo di Teacher per l’utilizzazione didattica della Philosophy for children conferito dal CIREP (Centro Interdisciplinare per la Ricerca Educativa sul Pensiero).
Nel 2013 è entrata in contatto con il mondo dei disturbi specifici di apprendimento (DSA), di cui si è subito appassionata: ogni difficoltà è uno stimolo ad addentrarsi nel mondo dei processi di pensiero; essa ci pone di fronte alla necessità di esplorare e sperimentare strategie e strumenti per affrontarle, in un percorso di crescita e scoperta continua.
Tra il 2014 e il 2016 ha dunque frequentato il Corso di Laurea in Pedagogia presso l’Università degli Studi di Padova, e con l’ideazione e la sperimentazione di un programma di potenziamento dell’espressione orale e scritta ha conseguito a marzo il titolo di Pedagogista con votazione 110/110 e Lode.
Nel contempo, dopo aver frequentato nel maggio 2013 un corso per Tutor tenuto dall’Associazione Italiana Dislessia (AID), ha cominciato a lavorare con bambini e ragazzi con Disturbi Specifici di Apprendimento, guidandoli nella ricerca di un metodo di studio efficace e di strategie e strumenti compensativi adatti ad affrontare le proprie difficoltà, prendendo coscienza del proprio stile di apprendimento. In oltre tre anni di esperienza ha lavorato presso il doposcuola specializzato della sezione di Torino dell’AID, ha collaborato con alcuni centri per l’apprendimento privati e ha tenuto laboratori in numerose scuole della provincia di Torino
Nel 2015 ha frequentato presso lo Studio Forma di Torino il corso PAS Standard, conseguendo il titolo di Applicatrice del metodo Feuerstein rilasciato dall’ICELP Feuerstein Institute. Il Programma di Arricchimento Strumentale (PAS) permette di costruire un percorso strutturato per far emergere e potenziare le funzioni cognitive carenti, base di ogni apprendimento.
Collabora con l’Università di Padova alla realizzazione di un protocollo sperimentale per il potenziamento dell’espressione scritta in bambini e adolescenti.

dscn3942
Camilla Cremona (cotrainer del corso)
Nata a Torino nel 1989, ha iniziato ad approfondire le tecniche di memoria all’età di 13 anni, frequentando con entusiasmo il corso di Matteo Salvo.
Ha da subito messo in pratica le tecniche acquisite che le hanno permesso di frequentare con ancora maggior efficacia e profitto il Liceo Classico nella sua città d’origine.
All’età di 15 anni ha vinto un premio partecipando al Pi Greco Day al Politecnico di Torino, memorizzando le prime 511 cifre del Pi Greco, aggiudicandosi fra i concorrenti il primato per aver dimostrato di conoscere il maggior numero di cifre.
Ha viaggiato molto e si è confrontata con diverse culture: ha vissuto per un periodo in Australia, ospite di una famiglia che sarebbe diventata poi come una sua “seconda famiglia”, facendo un’esperienza di scambio culturale dalla quale è tornata entusiasta e arricchita sotto diversi aspetti: umano, relazionale, culturale e linguistico.
Ha seguito bambini e adolescenti nelle attività di studio al Doposcuola Contardo Ferrini, che ha sede presso il Collegio San Giuseppe di Torino.
Le tecniche di memoria hanno costituto un eccezionale strumento durante tutto il suo percorso di studi e grazie ad esse e a un’indispensabile dedizione allo studio si è laureata in Psicologia Clinica e di Comunità con 110/110, con una tesi dal titolo “Il Lausanne Trilogue Play nell’affidamento preadottivo”.
Quest’ultima è stata realizzata grazie all’approfondimento della conoscenza dal punto di vista teorico e applicativo di questa procedura, che consiste nell’osservazione dell’interazione fra la coppia genitoriale e il bambino durante l’anno di affidamento preadottivo.
Conseguita quindi l’abilitazione all’esercizio della professione di Psicologo, con il superamento dell’Esame di Stato, attualmente sta frequentando la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia e sta svolgendo un tirocinio presso l’Asl To 1 nel dipartimento di Psicologia dell’Età Evolutiva.
Le tecniche di memoria trovano una proficua applicazione anche nella sua professione, con un focus mirato per quanto concerne i Disturbi dell’apprendimento (DSA).
Alla fine del 2015 si è occupata, presso l’Orfanotrofio St. Jude a Gulu nel Nord dell’Uganda, di bambini con disabilità e, in équipe con una logopedista e una neuropsichiatra infantile, ha avviato un intervento terapeutico finalizzato al superamento di difficoltà legate alle loro condizioni di sviluppo.

Inoltre al Camp ci saranno altri assistenti che sono coetanei dei vostri figli. questi sono ex partecipanti che si sono distinti nell’arco dell’anno scolastico post Camp e hanno così potuto rifrequentare sotto nuova veste di aiuto e supporto durante le attività in aula. Quest’ultima figura ha un forte “appeal” nei confronti dei partecipanti perchè trasmette il valore e la conoscenza appresa ai nuovi allievi.
Il fatto che al corso ci siano assistenti che sono loro coetanei è davvero utile per i partecipanti perché un conto è se le metodologie le ascoltano da noi, un conto se come applicare le tecniche ai loro compiti estivi glielo dicono dei loro coetanei che l’anno scorso hanno partecipato e adesso si trovano dall’altra parte proprio perché conoscono perfettamente le tecniche e le applicano quotidianamente. Alcuni tra loro, mettendo in pratica il metodo imparato al Camp, hanno ottenuto risultati straordinari, alcuni tra questi hanno partecipato addirittura al campionato italiano di memoria.

9) Suddivisione per età
Da quest’anno saranno suddivisi per età in modo che possano avere gli stessi interessi e anche argomenti comuni di cui parlare e su cui confrontarsi. Ogni corso sarà anche bilanciato in base al numero di maschi e di femmine.

10) La qualità del cibo
Sono un sostenitore del pensiero “mens sana in corpore sano” e “siamo quello che mangiamo” per questo cercavamo un posto che potesse darci cibo biologico, naturale e sano. Quello che mangeranno i vostri figli è quasi tutto prodotto in casa, dai biscotti alle torte a colazione e allo yogurt che arriva fresco tutte le mattine da una fattoria vicino al villaggio. La stessa cosa per i pranzi e le cene. La merenda a metá mattina e a metá pomeriggio sará sempre a base di frutta di produzione propria e di torte o biscotti fatti in casa. Durante il MemoCamp non verranno servite bibite gassate o dolci confezionati.

103

11) Uno spazio completamente dedicato
Vogliamo che i vostri figli siano liberi di giocare, di scorrazzare e di urlare. Non c’è cosa piú bella che sentire la gioia e il rumore di bambini che giocano. Per questo il posto dove verrà tenuto il corso, dove giochiamo e dormiamo è completamente dedicato a noi e non ci saranno altre persone al di fuori degli allievi e degli assistenti.

12) Metodo e filosofia
Una delle cose che mi piace trasferire è quella di pensare come un “atleta dell’apprendimento” per questo non possiamo permetterci di lasciàre niente al caso è dobbiamo procurarci gli strumenti migliori per essere il piú efficienti possibile. Ci tengo sempre a trasferire agli allievi l’importanza di diventare efficienti, molti sono efficaci ma non efficienti. Se anche a te non fosse bene chiara la differenza tra uno studente efficace e uno studente che raggiunge gli obiettivi che si è prefissato, lo studente efficiente oltre a raggiungere gli obiettivi lo fa con il minor dispendio di risorse possibile ovvero meno tempo e meno fatica.

106

13) L’attenzione alle tecniche di comunicazione
Sapere bene la lezione ma non saperla esporre bene equivale a creare frustrazione. Infatti il voto viene dato non in base a quanto sappiamo ma a come esponiamo quello che sappiamo. Per questo ogni allievo imparerà le tecniche di public speaking e alla sera l’ultima sessione è dedicata all’esposizione di quanto imparato durante la giornata. Ciascuno riceverà suggerimenti su cosa e come allenarsi per continuare a migliorare.

COME E’ STRUTTURATO IL CORSO

PRE CORSO (durata: 4 settimane)

Il corso non è formato soltanto dalla settimana che andremo a trascorrere insieme.
Ci saranno un periodo di formazione antecedente.
Dal momento dell’iscrizione l’allievo inizierà a ricevere una serie di Mail preparatorie con diversi esercizi che è indispensabile fare per affrontare il corso nel modo giusto. Non farlo vorrà dire arrivare non preparati su una serie di argomenti che tutti gli altri avranno fatto e quindi significa rimanere indietro. Gli argomenti mandati via Mail non verranno più spiegati durante il corso.
Le Mail preparatorie sono di fondamentale importanza. Ne arriveranno quattro con cadenza settimanale a partire da un mese prima dell’inizio del corso.

CORSO (durata: 5 giorni di docenza, arrivo la domenica pomeriggio e partenza il Sabato a pranzo)

Successivamente ci incontreremo al corso e imparerai tutto quanto visto nella parte “cosa imparerai”.

POST CORSO (durata 8 settimane)

Dopo quella settimana inizierà un altro periodo in cui riceverai una Mail a settimana per otto settimane. Ogni singola Mail contiene dei suggerimenti importanti che hanno lo scopo di consolidare il metodo e di supportare tuo figlio per qualsiasi domanda o necessità. Potrà scriverci via Mail e riceverà una risposta garantita entro ventiquattro ore dal momento di invio considerando come orari dalle nove alle diciotto dal lunedì al venerdì.

La cosa davvero
importante è cosa può fare quello che insegno per tuo figlio e cosa ha già fatto per tantissimi dei miei allievi.
Alcuni di loro hanno anche partecipato al programma televisivo SuperBrain. Andrea La Torre, vincitore della prima edizione, ha vinto un montepremi di 50.000 € a soli undici anni.

22

Qui invece vedi Gianni Calovi insieme a Paola Perego che ha vinto la prima puntata della seconda edizione.

23

E qui Paolo Giancola che ha memorizzato i nomi di 190 stati del mondo con i relativi dettagli di ciascuno quali capitale e dove si trova: sapeva riconoscerli semplicemente toccando con le dita una sagoma che li riproduceva.

2425

Ovviamente queste abilità si riflettono anche sul rendimento scolastico. Qui puoi vedere la sua pagella.

26

E’ però importante sapere che questi voti non sono frutto di pomeriggi passati sui libri. I miei allievi a casa studiano poco. Stanno bene attenti in classe, prendono appunti con le mappe mentali e poi a casa fanno solo un lavoro di consolidamento delle informazioni.
Gianni e Paolo li puoi vedere nella foto qui sotto. Sono il secondo e il quinto partendo da sinistra. Erano entrambi partecipanti dello stesso Campus.

27

Una delle cose più appaganti del tenere i MemoCamp è vedere i risultati dei nostri allievi e ricevere mail come queste sotto che stai per leggere. Chiaramente abbiamo chiesto l’autorizzazione per poterle pubblicare e abbiamo tolto i riferimenti personali.
Qui vedi le loro parole e, di chi ci ha dato l’autorizzazione, anche una foto durante il Camp.

mail1mail2mail3mail4mail5mail6mail7mail9
mail8

mail10

mail11

mail12

mail13

mail14

mail15

mail16

mail17

Ciascuno di loro ha frequentato il MemoCamp.
Ma fai attenzione…. non tutti quelli che partecipano ottengono risultati!
Sappi che questi risultati non sono garantiti semplicemente partecipando al corso.
Te lo dico per trasparenza e perché ci tengo che tutti i miei allievi ottengano risultati straordinari.
Quello che in comune hanno tutti gli allievi di cui hai letto sopra le Mail è stata la
determinazione nell’applicare il nuovo metodo e il fatto che fossero loro a voler partecipare.

Anche quest’anno abbiamo voluto migliorarci, e per i MemoKid Camp abbiamo creato due macro gruppi:

  • per partecipanti dai 9 ai 10 anni: riferimento scuole elementari
  • per partecipanti dagli 11 ai 13 anni: riferimento scuole medi

N.b. Per partecipare devi aver compiuto 9 anni o essere nell’anno dei 9. 

Per i MemoJunior Camp la fascia di riferimento rimarrà invariata:

  • per partecipanti da 14 ai 17 anni: riferimento liceo

Questa divisione così stretta è volta a migliorare la gestione dei partecipanti sia in aula che fuori aula. Sarà possibile dedicare esempi mirati, sulla base della fascia d’età, potendo così semplificare l’apprendimento del metodo di studio e la successiva applicazione durante le attività di pratica sui propri compiti estivi.

Consigliamo di giocare d’anticipo sulla prenotazione del proprio posto, poiché come sempre il numero di partecipanti è limitato a 15 per ogni settimana.

N.b. Solamente per la festività di Pasqua sarà prevista una fascia aperta dedicata ai KID. Questa scelta è dettata dalla disponibilità di una sola settimana a disposizione. Ovviamente il gruppo sarà diviso per eseguire al meglio le attività in aula.

In caso non mi conoscessi mi presento brevemente.
Scusami se ti potrò sembrare autocelebrativo parlando di me.

Il motivo in realtà non è quello di autoincensarmi per i risultati ottenuti ma solo per dimostrarti con i risultati personali e con quelli dei miei allievi che so quello di cui parlo e che ti puoi fidare in quanto non in Italia, ma in Europa non c’è nessun altro che abbia il mio curriculum o la mia esperienza nel settore.
Mi chiamo Matteo Salvo, mi sono laureato grazie alle tecniche che insegno in ingegneria meccanica e tengo corsi in inglese e in spagnolo sulle strategie di studio più avanzate al mondo.
Sono l’autore dei seguenti Best seller:

libri-1

libri-2

“Come leggere un libro al giorno” non è ancora bestseller in quanto appena uscito ma mi auguro che presto lo diventi.

Gli altri libri hanno venduto oltre duecentomila copie e probabilmente li avrai anche visti in autogrill oppure allegati a diversi quotidiani come La Stampa o riviste come Focus.

Molti giornali hanno parlato dei miei allievi e dei risultati che ottengono dopo aver frequentato il MemoCamp.

Qui puoi vedere alcune articoli cartacei.

8
9

10

Qui altri invece presi dal web.

1112

Addirittura il sito Italia Notizie 24 lo mette al primo posto tra i 5 migliori Campus Estivi a cui iscrivere i propri figli.

13

Qui un tratto di un articolo tratto da Focus Junior.

14

16

E qui due articoli pubblicati sui siti nostrofiglio.it e pianetamamma.it

17

18

Qui un articolo tratto da Vogue Bambini.

15

Ho partecipato al Campionato Mondiale di Memoria vincendo il titolo di International Master of Memory memorizzando un numero lungo più di mille cifre senza commettere errori e dieci mazzi di carte.

19

Sono anche entrato nel Guinness World Record per essere riuscito a memorizzare un intero mazzo di carte in apnea.

20arecord

Sono l’unico Senior Trainer in Europa certificato da Tony Buzan, l’inventore delle Mappe Mentali, per poterle insegnare (poi siamo in Italia e anche uno che legge un libro si autoproclama docente tra i più esperti con anni di esperienza, ma quello è un altro discorso).

21

Non ha senso imporre a tuo figlio di partecipare al corso pensando di risolvere un tuo problema.
Tu spenderesti dei soldi e lui butterebbe via del tempo ma non otterrebbe i risultati che tu ti aspetti e questo creerebbe ulteriore frustrazione. È fondamentale che sia lui a voler partecipare.
È chiaro che non partirà mai da lui la richiesta ma per stuzzicarlo e fargli capire che cosa potrebbe imparare fagli ad esempio guardare questo video qui sotto come se fosse un gioco.
Digli “facciamo una gara… qui c’è un gioco di memoria”. Guardatelo insieme e poi valuta la sua reazione. Evita di mettergli pressioni. Deve essere una sua scelta… E lo dovrebbe chiedere come un regalo… Come quando ti chiede di fargli fare qualcosa che desidera tanto. Più sarà lui a desiderare di partecipare più i risultati saranno garantiti.

Non pretendo che faccia come Simone di cui ti sto per parlare ma che almeno sia lui a chiederti di lasciarlo partecipare.
Ti ho detto che non pretendo che faccia come Simone perché è l’unico allievo in tutti questi anni che ha fatto una cosa del genere. Dopo che i genitori gli hanno fatto vedere dei video come quello che hai appena guardato ha chiesto di poter partecipare. I genitori da sempre gli hanno insegnato a conquistarsi le cose e quindi ha iniziato ad accumulare le paghette settimanali ma la cosa sorprendente è che alla prima comunione ha chiesto ai parenti di non fargli regali ma solo la busta con dei soldini per potersi pagare il corso. Così è stato e credimi al corso ha dato il 200%.
Il desiderio di esserci: questa è la prima cosa che garantisce il fatto che dopo metta in pratica il metodo.
Qui puoi vedere una sua foto al Campus. Simone è quello a sinistra.49

Va bene Matteo, ma quali garanzie ho che mio figlio ottenga gli stessi risultati? Nessuna… Ci tengo ad essere chiaro, quello che fa la differenza non sono gli strumenti che io gli darò ma il fatto che lui li utilizzi. Per questo è fondamentale che non sia tu a spingerlo a frequentare il corso.
Quello che ti posso garantire è che se lo supporterai dopo il MemoCamp (e chiaramente ti diremo come fare nel dettaglio, ci sarà un percorso dopo il corso) nel
mettere in pratica le tecniche allora quasi sicuramente riceverai una Mail da parte nostra dove ti chiederemo l’autorizzazione di pubblicare i suoi risultati tra le testimonianze.

Il camp deve essere un’esperienza unica e meravigliosa per tutti e per questo è fondamentale che ci siano delle regole condivise da rispettare. A scanso di equivoci le trovi qui di seguito, le puoi anche scaricare e stampare su pdf in modo da leggerle ai vostri figli. Se loro non sono disposti a rispettare queste regole evitate di mandarli al camp.

Per i partecipanti
1) Tolleranza 0 per bullismo
Il MemoCamp deve essere un’esperienza unica per tutti, una di quelle esperienze che resta nel cuore per le belle emozioni vissute e nella mente per tutte le tecniche imparate. Qualsiasi allievo venisse eventualmente sorpreso con un comportamento arrogante o di bullismo nei confronti di qualche altro allievo verrà immediatamente isolato. Non potrà più prendere parte alle attività di gruppo. Gli verrà consegnato immediatamente il telefono e contatterà i genitori per farsi venire a prendere. Su questo aspetto non abbiamo alcuna forma di tolleranza, quindi se sapete che vostro figlio ha una personalità aggressiva o che tende a mettere le mani addosso evitate di mandarlo. Chiaramente la quota non viene restituita anche se dovesse succedere al primo giorno in quanto il suo posto, a camp iniziato, non può più essere ceduto ad un allievo in lista di attesa.

2) Il telefono si usa tra le 19.00 e le 20.00.
Il MemoCamp è un’esperienza di confronto e di comunicazione. Per questo durante la giornata non sarà possibile usare i telefoni cellulari o tablet. Verranno custoditi da noi e consegnati alla sera dalle diciannove alle venti.

3) Dalle 23.00 luce spenta e silenzio nelle stanze
Dopo quell’ora le luci verranno spente e ci dovrà essere silenzio. Non è più consentito parlare agli altri compagni anche perché il giorno dopo è fondamentale essere belli lucidi e svegli. Per qualsiasi evenienza durante la notte chiaramente ci saranno i nostri assistenti sempre disponibili. Se i ragazzi avranno bisogno saranno stati anticipatamente istruiti su quale porta andare a bussare.

4) Rispetto degli orari
Le attività di apprendimento e di divertimento verranno scandite da un orologio radiocontrollato sul quale i ragazzi sintonizzeranno i prorpi orologi. Il rispetto dell’orario è alla base della buona riuscita del corso. Per questo se un allievo dovesse arrivare in ritardo non ci sarà alcuna punizione ma la pausa verrà accorciata
del tempo di ritardo con cui arriva l’allievo.

5) Disposizione a dare il meglio di se stessi
Come in ogni cosa il risultato dipende da quanto impegno ci mettiamo. Per questo ti chiediamo fin da ora di prepararlo per dare il meglio di se stesso. I risultati arriveranno di conseguenza.

1) Evitate di passarli a trovare
Siamo consapevoli che non avere i figli a casa lascia un vuoto immenso ma, al fine della buona riuscita del seminario, chiediamo ai genitori di evitare assolutamente di passarli a trovare durante la settimana. È una situazione che crea disagio per tutti gli altri.

2) Chiamateli tra le 19.00 e le 20.00
L’uso dei telefonini è consentito soltanto tra le 19 e le 20 di sera. Non sarà consentito l’uso di telefonini o tablet al di fuori di quell’orario. Chiediamo la collaborazione di voi genitori nel telefonargli solo in quell’orario e di non chiamare gli assistenti se avete voglia di parlare con vostro figlio o di chiamare alle 11 di sera perché prima non potevate. A quell’ora per noi significa entrare nella stanza dove dorme e svegliare anche gli altri. Al di fuori dell’orario stabilito chiamate solo in caso di necessità.

3) Fate con lui gli esercizi delle mail preparatorie
Per fare in modo che tuo figlio parta con una marcia in più assicurati che abbia fatto bene gli esercizi che gli vengono mandati dopo che è stata effettuata l’iscrizione. Le mail le receverà il genitore che ha effettuato l’iscrizione. Sappi che quelle mail sono importantissime e ci sono degli esercizi preparatori. Evita di fare l’errore di leggerle tutte insieme la settimana prima del corso perché metterai tuo figlio in difficoltà.

Qui di seguito il prospetto delle settimane disponibili, con la divisione in fasce d’età e luogo di svolgimento:

Periodo ESTIVO

  • dal 11 giugno al 17 giugno presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 11-12-13 anni
    REGISTRAZIONI CHIUSE – POSTI TERMINATI
  • dal 25 giugno al 1 luglio presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 9-10 anni
    REGISTRAZIONI APERTE – 2 POSIZIONI DISPONIBILI
  • dal 2 luglio al 8 luglio presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 11-12-13 anni
    REGISTRAZIONI CHIUSE – POSTI TERMINATI
  • dal 9 luglio al 15 luglio presso Villaggio della Salute di Bologna JUNIOR fascia 14-17 anni
    REGISTRAZIONI CHIUSE – POSTI TERMINATI
  • dal 16 luglio al 22 luglio presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 11-12-13 anni
    REGISTRAZIONI APERTE – 3 POSIZIONI DISPONIBILI
  • dal 23 luglio al 29 luglio presso Villaggio della Salute di Bologna JUNIOR fascia 14-17 anni
    REGISTRAZIONI APERTE – 1 POSIZIONE
  • dal 30 luglio al 5 agosto presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 11-12-13 anni
    REGISTRAZIONI APERTE – 5 POSIZIONI DISPONIBILI
  • dal 20 agosto al 26 agosto presso Villaggio della Salute di Bologna JUNIOR fascia 14-17 anni
    REGISTRAZIONI APERTE – 2 POSIZIONI DISPONIBILI
  • dal 27 agosto 2 settembre presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 11-12-13 anni
    REGISTRAZIONI CHIUSE – POSTI TERMINATI
  • dal 3 settembre al 10 settembre presso Villaggio della Salute di Bologna KID fascia 9-10 anni
    REGISTRAZIONI APERTE – 4 POSIZIONI
  • Il luogo di svolgimento resterà anche per l’estate 2017, il Villaggio della Salute di Bologna. Questa struttura ci ha garantito una soddisfazione totale (media del 8,7/10 nel sondaggio finale richiesto ai partecipanti) da parte degli oltre 180 partecipanti durante l’estate 2016. Per ogni approfondimento sulla location, vi invitiamo a visitare il sito della struttura: http://www.villaggiodellasalutepiu.it/Abbiamo richiesto una convenzione ad hoc per le famiglie che giungeranno al Camp per portare i propri figli durante i weekend: genitori che accompagnano i bambini 1 pernottamento con pensione completa con 2 ingressi alle terme a persona : 129,00 €
    Contattando la struttura, e specificando “MemoCamp” riceverai questo trattamento a te riservato per le notti di pernottamento.

Chi arriva prima sceglie la data migliore in base ai propri impegni e paga anche meno.
Come sai il Camp è a numero chiuso con un massimo di 15 allievi e i posti si esauriscono in fretta:

  • 1.990,00  Euro IVA inclusa per iscrizione con più di 7 giorni d’anticipo sulla data di partecipazione (se ci sono ancora posti disponibili)
  • 2.190,00 Euro IVA inclusa per iscrizione con meno di 7 giorni sulla data di partecipazione (se ci sono ancora posti disponibili)

Con iscrizione anticipata la modalità di pagamento è la seguente:

Acconto pari a € 990,00 (iva inclusa)

Saldo di € 1.000,00 (iva inclusa) da effettuarsi un mese prima dell’inizio del corso.

Per due partecipanti dello stesso nucleo famigliare, il prezzo sarà pari a 3.383,00 € IVA compresa anziché 3.980,00 € IVA compresa (per usufruire dello sconto, richiedere codice sconto allo Staff tramite mail o chiamata al Numero Verde gratuito).

Servizi
1) il soggiorno in pensione completa
2) la docenza del corso
3) l’assistenza via mail per otto settimane dopo il corso
4) l’accesso all’area riservata dopo il corso con il materiale che serve per supportare gli allievi tra cui:

-> le mappe mentali di tutte le materie del suo anno scolastico
-> il video corso MemoCamp Digital che potrai guardare insieme a lui
-> le slide usate durante il corso
-> i video tutorial che spiegano come usare il software sulle mappe mentali
-> la traccia audio per imparare a gestire l’emotività e a rilassarsi

Risorse materiali
Per ottenere risultati straordinari è fondamentale avere i giusti strumenti del mestiere.
Al Camp i vostri figli riceveranno:

1. Quaderno per appunti
Con fogli bianchi in modo da imparare a fare le mappe mentali a mano. Infatti in Italia sono pochissimi gli allievi che possono utilizzare direttamente in classe computer o tablet per prendere appunti.

109

2. Kit di triplus fineliner staedtler colorati
Per poter fare le mappe mentali. Infatti la nostra mente ragiona a colori e non vogliamo permetterci di creare mappe monocolore

3. Kit di tappi anti rumore
Durante ogni sessione di studio mantenere la concentrazione è fondamentale. Per questo ogni allievo riceverá una scatolina personalizzata per portare sempre i suoi tappi antirumore comodi e colorati con sé. In questo modo la sua concentrazione non dipenderá dall’esterno e non dovrá aspettare che ci sia silenzio per iniziare a studiare.

4. Leggio
Molti pensano che il leggio sia lo strumento del musicista o del prete e basta. In realtá il leggio serve per leggere e per fare in modo che venga adottata una postura utile per mantenere la concentrazione. Per renderti conto di questo ti basta pensare a con quale precisione inclini lo schermo del computer per poterlo vedere senza
affaticarti. Studiare o leggere senza leggio e tenendo il libro appoggiato sul tavolo sarebbe come mettere lo scermo orizzontale sul tavolo e modificare la tua postura per poter leggere cosa ci è scritto sopra. Ogni allievo tornerá a casa con il suo leggio. Per fare sí che lo possa usare anche quando va in giro a studiare abbiamo scelto un leggio leggero, pieghevole e portatile, lo stesso che uso io e che porto con me quando viaggio.

5. Software IMM10
Ogni allievo avrá la licenza per poter fare le mappe mentali sul proprio computer personale. È la licenza Ultimate che io stesso uso nelle aziende in cui vado. Si puó installare su 2 computer e un tablet. Permetterá di raccogliere tutte le mappe in formato digitale e di provare la comunicazione in vista dell’interrogazione attraverso la modalità di presentazione che gli allievi impareranno ad usare durante il corso. Inoltre se dovessimo modificare una mappa mentale fatta a mano spostando dei rami dovremmo praticamente rifarla, con il software basta un semplice click ed è fatto. Chiaramente i vostri figli impareranno ad usare il software bene durante il camp in modo che a casa siano indipendenti.

6. Zaino
È bello continuare a vivere l’esperienza vissuta anche dopo il Camp e per questo ci teniamo a dare ad ogni allievo uno zaino con il logo del MemoCamp in modo che possano vivere ogni giorno un po’ di camp e portarsi dietro le sensazioni e l’impegno che hanno messo durante quella settimana.

7. Mappa mentale plastificata sul metodo di studio
Ogni allievo riceverá una mappa mentale plastificata in formato A3 sul metodo di studio in modo che possa attaccarla di fronte alla sua postazione di studio e avere sempre bene chiari tutti i passaggi da affrontare quando studia. Come se fosse il codice d’onore da rispettare dell’atleta dello studio.

mappa

8. Attestato
L’attestato di partecipazione che ricorda l’impegno e la determianzione servita per portare a termine il camp e che saranno le stesse che gli permetteranno di fare la differenza durante l’anno scolastico. Anche questo da appendere di fronte alla propria postazione di studio.

123122

9. Il libro studiare è un gioco da ragazzi
Qualsiasi tecnica avesse bisogno di rivedere può farlo in qualsiasi momento trovando esempi pratici spiegati in ogni dettaglio.

img_1411

 

Per procedere nella registrazione di tuo figlio/a, ti basterà cliccare sul pulsante REGISTRATI, per procedere con l’inserimento dei dati per la creazione dell’ordine registrazione acconto. Segui i passaggi di selezione data, e ricordati che se hai un account registrato nel sito di Matteo, dovrai prima loggarti per essere riconosciuto dal sistema:

 

Per partecipare non basta pagare ma ci teniamo a conoscere prima il partecipante con un questionario che compare nel form qui sotto con alcuni aspetti per noi molto importanti per potergli dare il meglio tra cui:
– Quali sono i suoi punti di forza
– Quali sono i suoi punti di debolezza e le cose sulle quali vuole migliorare
– Che cosa si aspetta dal corso
– Quali sono i suoi attuali voti a scuola di ogni materia

Dopo averlo conosciuto vi diremo spassionatamente se secondo noi ha senso che partecipi. Ci teniamo che i nostri allievi ottengano risultati.

1) Ai figli che non sono ancora emotivamente indipendenti. Se sapete che per loro è ancora troppo presto per farli stare distanti da voi piuttosto è meglio aspettare. Non avremmo alcun interesse a dirvi queste cose se non i risultati di tuo figlio. Se viene al corso ma gli mancate e vorrebbe essere a casa con voi è chiaro che non imparerà nulla. Per questo ribadisco l’importanza che sia lui a voler partecipare.

2) A chi ha una personalità disturbata, aggressiva e che ha difficoltà ad integrarsi.

3) A chi pensa che il Camp sia un’occasione per sentirsi grande potendo parlare in modo volgare. Il Camp non è un corso per insegnare l’educazione ma per trasferire un metodo di studio.
E’ successo che alcune volte i genitori mandassero figli al campus che successivamente ci hanno detto che è stata più una imposizione dei genitori che un loro desiderio. Non è possibile completare l’iscrizione direttamente. Prima deve essere compilato il form qui di seguito e verrà inserito in una lista di attesa. Se sulla settimana prescelta c’è ancora posto e se il numero di allievi maschi e femmine è circa equivalente allora verrà inserito su quella settimana diversamente vengono comunicate le settimane dove è ancora possibile iscriverlo.

Se vuoi dare a tuo figlio il metodo di studio e desideri ricevere ulteriori informazioni compila il form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

Quali sono i suoi punti di forza di Suo/a figlio/a

Quali sono i suoi punti di debolezza e le cose sulle quali vuole migliorare

Che cosa si aspetta dal corso

Quali sono i suoi attuali voti a scuola di ogni materia

Come ci hai conosciuto?

Ci dai una mano a capire come ci hai conosciuto?
Ti chiedo di spuntare soltanto 2 opzioni dove con i numeri 1 e 2 selezioni le prime 2 cose che ti hanno messo in contatto con noi. Se ad esempio avessi sentito un’intervista alla radio e poi fossi andato su google a cercare metterai 1 radio, 2 ricerca su internet, se invece ti hanno prima parlato di noi e poi hai comperato "il libro studiare è un gioco da ragazzi" metterai 1 passaparola, 2 libro “studiare è un gioco da ragazzi”.
Grazie in anticipo per la tua preziosa collaborazione
verifica ricerca su internet
sito www.matteosalvo.com
articolo su riviste
televisione
radio
facebook
passaparola
articoli on line
libro “il segreto di una memoria prodigiosa”
libro “studiare è un gioco da ragazzi”
libro “impara l’inglese in un mese”
libro “metti il turbo alla tua mente con le mappe mentali”
libro “come leggere un libro al giorno”
convegno formativo

Altro

Come preferisci essere contattato

Il tuo messaggio (richiesto)

Copia nello spazio sottostante i caratteri che vedi qui sotto:
captcha

Se sia tu genitore che figlio avete intenzione di partecipare il suggerimento è quello di evitare di temporeggiare in quanto i posti essendo solo 15 si esauriscono in fretta in alcuni casi già diversi mesi prima e ci sono persone che sono in lista già dall’anno scorso che purtroppo sono arrivate tardi. Qui puoi vedere una foto del sito sulla situazione iscrizione dell’anno scorso.

calendariofullcamp15

iscrizioni_chiuse