Chiamaci800 642 081
  • 0
    Il carrello è vuoto

Mappe Mentali vs Mappe Concettuali.

Mappe Mentali e Mappe Concettuali: Due strumenti molto diversi

Le mappe concettuali hanno un orientamento molto cognitivo e razionale e, non sempre, sono di facile lettura.
Al contrario le mappe mentali, fanno leva sulla creatività, sulla manualità e i colori, per questo hanno un’essenza evocativa ed emozionale che è fondamentale per la memorizzazione delle parole e dei concetti; in più sono mappe che strutturano i contenuti in modo gerarchico e associativo, quindi, semplificano la difficoltà, perché organizzano i concetti e le parole chiave in modo chiaro e “panoramico”.

Esempi Mappe Concettuali

Una mappa concettuale, come quelle che troviamo al fondo dei capitoli su alcuni libri di testo, è uno schema che a livello visivo si ripropone sempre identico, per questo non risulta semplice trattenere le informazioni che contiene.

Spesso inoltre è lineare e monocolore. Aiuterà la comprensione, ma non la memorizzazione.

Proprio per come è costruita e perché non sfrutta, non mette in moto, le caratteristiche che ci permettono di immagazzinare le informazioni a lungo termine in modo spontaneo come la creatività e l’emotività.
Puoi renderti conto tu stesso di come mappe concettuali su argomenti diversi siano simili a livello visivo, guardando gli esempi che seguono.
Mappa_concettuale1
È chiaro che si abbia difficoltà a memorizzarle, che si tenda a confonderle e si faccia fatica a ricordare, per esempio, che cos’era posizionato in quel determinato rettangolo piuttosto che in quell’altro, oppure a cosa puntava la terza freccia che partiva da una particolare casella.
Mappa_concettuale2

Di seguito puoi vedere invece la trasformazione della mappa concettuale di storia in una mappa mentale. Lascio a te il commento e le riflessioni.

Mappa_Mentale_storia-2

Principali Differenze Mappe Concettuali e Mappe Mentali

La mappa concettuale ha una struttura di tipo reticolare mentre le mappe mentali hanno una geometria di tipo radiale. In altri termini, con le mappe mentali, i concetti chiave sono disposti per ordine d’importanza e collegati tra loro da sotto concetti attraverso ramificazioni creative e logiche.

In pratica, con le mappe mentali, ogni ramo è collegato al concetto chiave centrale da cui partono tutte le ramificazioni fino ai concetti finali, per questo il ricordare diventa immediato e facile. Basterà seguire il percorso, per l’appunto, la mappa. E anche in fase di esposizione ci sentiremo più sicuri, perché seguiremo il percorso mentale passo a passo. Con grande facilità.

mappe mentale

In ogni caso le mappe concettuali sono un ottimo aiuto, nel caso siano presenti sul libro sarà sufficiente trasformarle in mappe mentali, passando da una struttura a grappolo simile a un organigramma aziendale, alla struttura radiale e colorata caratteristica delle mappe mentali con al centro l’argomento principale.

La mappa concettuale va bene per il fatto che ci mostra già in evidenza i concetti, ma dopo non ci fornisce strumenti utili per la memorizzazione. Una mappa concettuale di storia e una di geografia a livello visivo sono praticamente identiche, mentre ogni mappa mentale sarà un esemplare unico. Questo perché i concetti che rappresenteremo sono diversi e utilizzeremo immagini diverse per rievocarli.

Se vuoi avere maggiori info sulle Mappe Mentali ti suggerisco“Metti il turbo alla tua mente con le mappe mentali è il manuale  ideato per spiegare come usufruire delle mille potenzialità delle mappe mentali.

libro mappe mentali

Potresti essere interessato a…