Chiamaci800 642 081
  • 0
    Il carrello è vuoto

Memorizzare materiale giuridico con le Mappe Mentali

Buonasera, vorrei chiedere a Matteo Salvo qualche consiglio per la memorizzazione di materiale giuridico tipo codici, articoli di legge (cod. penale, procedura penale civile ecc.). Grazie Caro Enrico, lo studio delle materie giuridiche è particolarmente impegnativo per la grande quantità di informazioni da ricordare. Per lo studio di un esame utilizzeremo sempre le mappe mentali con l’accortezza di non fare mappe troppo vaste perché se no dopo diventano confusionarie e difficili da memorizzare attraverso la fotografia mentale. Se l’argomento è molto vasto è meglio fare più mappe e scomporre il macro argomento in sotto argomenti e creare una mappa dell’indice e poi una per ogni sotto argomento. Questo passaggio ci aiuterà nel semplificare metodo per memorizzare il contenuto. Per quanto riguarda invece gli articoli di codice utilizzerai sempre la tecnica di memoria della conversione fonetica e l’associazione di immagini con Paradosso, Azione e Vivido. Crea un’immagine per la conversione fonetica del numero e una o più di una che ti richiamino il contenuto dell’articolo. Successivamente le associ tra di loro per potenziare la tecnica di studio. Per ogni informazione che memorizzi con le tecniche è fondamentale fare sopra i ripassi programmati dopo un’ora, un giorno, una settimana e un mese in modo da portare le informazioni sul lungo termine. Mi auguro di averti aiutato. Tienimi aggiornato sui tuoi risultati. Matteo Come materiale didattico ti suggerisco il pacchetto "Gift Top Mind". Con il pacchetto “Top Mind” hai tutti i libri necessari per gestire al meglio le tue capacità mnemoniche.

Read More

Associazione di immagini con “Paradosso-Azione-Vivido”

Ciao Matteo e grazie per l’impegno e i consigli che rilasci ogni settimana. Secondo te posso utilizzare l'associazione di immagini con “Paradosso-Azione-Vivido” per memorizzare un elenco di parole?  Ciao Stefano e grazie per le tue parole! Per memorizzare elenchi di parole, come ad esempio i nervi che si attaccano alla colonna vertebrale, la tecnica che utilizzeremo sarà quella dei Loci Ciceroniani. Se ti può essere d'aiuto riguardala sul libro Studiare è un gioco da ragazzi a pagina 163.     Per memorizzare questo tipo di informazioni non utilizzeremo nemmeno le mappe mentali, che verranno usate per la memorizzazione dei concetti. Se tra questi concetti trovassimo “le ossa del cranio” e da lì partisse un elenco di 12 ossa diverse, non faremmo 12 rami alla nostra mappa. Metteremo, invece, sul ramo una nota con il nome del percorso che abbiamo scelto come ad esempio “palestra”. Sarà all’interno del percorso “palestra”, che abbiamo precedentemente costruito, che assoceremo ogni singolo osso. Per farlo bene e velocemente ovviamente è importante conoscere i nostri percorsi alla perfezione. Se ti può aiutare, eccoti un file di esempio simile a quelli che utilizzo per i campionati di memoria (clicca qui per il download). Troverai riportati alcuni esempi, ma sentiti libero di cambiare i percorsi e di aggiungere quanti punti vuoi in base a quante informazioni devi memorizzare. I punti multipli di cinque sono evidenziati in modo che tu li possa considerare come dei cardini di riferimento: se ti chiedono ad esempio il punto 17 parti dal 15 e vai avanti di due. Spero di sentirti presto e ricordarti che se hai bisogno... basta scrivermi! Un caro saluto, Matteo

Read More

La tecnica del palazzo della memoria

Ciao Matteo, è più potente (flessibile - veloce - facile - ecc...) la tecnica del palazzo della memoria (o tecnica dei loci) o la tecnica dello schedario alfanumerico? Infatti, in Italia tutte la aziende formatrici suggeriscono gli schedari, mentre Dominic O' Brien e altri mnemonisti americani e inglesi usano la tecnica dei loci. Ti faccio i miei complimenti per le tue capacità e la tua professionalità. Un saluto. Ciao Orlando e grazie per la domanda da esperto nel campo. In effetti, qui in Italia viene osannato lo schedario, proprio come dici tu. Io non lo uso mai perché, a mio avviso, presenta un sacco di limiti che ti elenco qui di seguito: molto più facile costruire un percorso nuovo che schedari diversi se avessi uno schedario solo, non potrei memorizzare informazioni diverse a distanza di poco tempo, ma se avessi più percorsi potrei utilizzare percorsi diversi. Se una persona disponesse di schedari diversi, avrebbe sicuramente impiegato molto più tempo a costruirli. Dopo risulterebbe facile confondere le schede, pur avendo cambiato colori di sfondo o contesti di memorizzazione se al Campionato Mondiale di Memoria, dove esasperiamo la velocità di acquisizione delle informazioni, tutti utilizziamo i Loci Ciceroniani... forse un motivo ci sarà ;) Il suggerimento che ti posso dare è quello di creare più percorsi della lunghezza funzionale per te per ricordare le informazioni che ti servono. Ricorda che i Loci Ciceroniani sono potentissimi con elenchi di informazioni. Invece, le Liste per quanto riguarda la comprensione dei concetti meglio utilizzarle per le mappe mentali (sempre che le si conosca e le si sappia usare in modo corretto). Libro "Memoria Prodigiosa" Scopri il primo libro integralmente dedicato alle tecniche di memoria e alle metodologie di studio dove teoria e pratica si alternano. Il segreto di una memoria prodigiosa è un manuale completo, semplice e pratico per portarti direttamente al risultato! Ogni argomento è accompagnato…

Read More

Come Ricordare il nome delle Strade

Sto studiando le tecniche di memoria di Matteo Salvo. Vorrei un’indicazione, per quanto riguarda l'apprendimento del nome delle strade in città. Io abito a Firenze, ho acquistato un libro che ha suddiviso la città, suggerendo degli itinerari urbani. Vorrei sapere, quale tecnica usare per memorizzare le vie. Se mi potreste dare delle indicazioni, sarei la persona più felice di questo mondo! Ciao Daniela e grazie per la tua domanda. Quello che mi chiedi è un argomento molto particolare ed è per questo che non l'ho mai trattato nei miei libri. Sicuramente è una domanda molto interessante e rappresenta un problema per molti. Per memorizzare i nomi delle vie innanzitutto dobbiamo suddividere il problema in due possibili situazioni.  1) Conosco personalmente la via perché ci sono passato, conosco qualche negozio oppure qualche monumento che si trova su questa? In questo caso allora ci basta collegare il nome della via a quel monumento, bar o quello che ho preso come riferimento. Può essere anche la casa di un amico. Per collegare il nome della via al punto che ho preso come riferimento creo un'associazione paradossale tra queste due. Facciamo un esempio, se in via Giuseppe Verdi so che c'è un bar dove una sera ho preso l'aperitivo con una persona prenderò quello come riferimento.  Il bar sicuramente è molto più semplice da ricordare perché l'ho vissuto con i miei cinque sensi e ho vissuto un'esperienza in prima persona. Il nome della via è molto più difficile da ricordare perché è un'informazione più razionale che non coinvolge la mia emotività. È per questo che molte volte capita di chiedere dov'è via Verdi? E il nostro amico che ci vuole aiutare ci dice qualcosa come "è là vicino a casa di tizio" piuttosto che "è dove abbiamo visto quell'incidente in moto". Si ricorda meglio qualche…

Read More

Consigli su Tecniche Memorizzazione Libri

Ciao Matteo, in primis grazie per il tuo impegno nel voler aiutare le persone con il tuo metodo di apprendimento rivoluzionario. Ti vorrei chiedere un consiglio: “100 Leggi Fondamentali del successo nella vita e nel lavoro” è un libro che ho letto e riletto. Ma, come puoi capire, sono 8 capitoli con all'interno 100 leggi! Come posso semplificarne la memorizzazione? Avresti qualche consiglio? Grazie mille. Ciao Tommaso, grazie per le Tue parole e complimenti per la tua costante dedizione nell’apprendimento. Ti posso consigliare una tecnica particolare per memorizzare queste 100 leggi, potendole ricordare nell’esatta sequenza con grande semplicità. La tecnica che devi utilizzare non è quella delle Mappe Mentali, come potresti immaginare, ma quella dei LOCI CICERONIANI. Tra queste 100 contenute nel libro 100 Leggi Fondamentali del successo nella vita e nel lavoro, se utilizzassi una mappa mentale, ti verrebbero cento rami (una legge per ogni ramo) e il risultato sarebbe controproducente poiché difficilmente memorizzabile, vista la diversità delle leggi l’una dall’altra.   Una volta che hai compreso la legge, sai come metterla in pratica e in quali situazioni, non hai bisogno di ricordare tutte le cose che dice questa legge. Per questo motivo se le vuoi ricordare nell’esatta sequenza la tecnica che puoi utilizzare è quella dei percorsi o LOCI CICERONIANI facendoti fare una differenza enorme nella memorizzazione. Saprai alla perfezione che al numero 16° c’è presente la legge della decisione piuttosto che la 17° quella dell’entusiasmo e così via. Grazie Tommaso per la Tua domanda, mi auguro di averti aiutando ricordandoti che c’è sempre un giusto metodo per ogni approccio alla memorizzazione.  Un abbraccio, Matteo

Read More

Ciao Matteo, è da molti anni che ti seguo ed è da molto molto tempo che sono appassionato di tecniche di memoria. Uno studente può ascoltare una lezione di storia, ad esempio, e all’uscita dall’aula poter affermare di averla memorizzata tutta? Oppure, un imprenditore come me può andare ad una conferenza, o ad un incontro di lavoro, e alla fine dire di aver memorizzato tutto quello che si è detto? Ci sono molti miti sull’argomento, potresti dirmi il tuo parere spassionato e soprattutto, spero, disinteressato? Ti ringrazio tanto e ti auguro tanta fortuna.

Ciao Pasquale, e grazie per la tua interessante domanda che mi permette di fare chiarezza su diversi aspetti. Penso che ci siano molti falsi miti sull'argomento e quindi vediamo di mettere chiarezza sull’argomento. Prima di tutto un grazie per avermi scritto due volte, in quanto su Facebook la prima volta mi era sfuggita. Suddividerò la risposta in diverse parti in quanto la tua domanda ha bisogno di più risposte. "L'allenamento mi diventa molto più complicato quando inizio a farmi delle domande tipo: nella vita quotidiana a che cosa mi serve memorizzare un numero di 100 cifre? O un elenco di 100 parole?" È una domanda che si fanno in molti ed è assolutamente sensata! Questo è dovuto al fatto che quando si parla di memoria molte volte vengono viste esibizioni da palcoscenico che lasciano tutti a bocca aperta: memorizzazione di lunghe sequenze di cifre, memorizzazione di immagini, carte da gioco e così via. I campionati mondiali di memoria sono un esempio di questo, ma è inevitabile in quanto servono informazioni che possano essere quantificate, mentre come si fa a quantificare chi ha imparato meglio un libro? Servirebbe qualcosa di facilmente valutabile. Le informazioni che vengono memorizzate ai campionati sono talmente impegnative da memorizzare che la maggior parte delle persone vede i partecipanti come delle persone dotate di un dono particolare e il pensiero successivo è che loro non saranno mai in grado di fare le stesse cose. Quando mi sono avvicinato ai campionati pensavo anch'io la stessa cosa. Nella mia mente l'immagine che avevo dei grandi campioni era quella di persone che non avevano niente di meglio da fare se non stare seduti davanti ad un tavolo a memorizzare informazioni inutili. Poi un giorno Tony Buzan mi chiede "ma perché non partecipi anche tu ai campionati di memoria?" ... così…

Read More